London, I love you

Domani a Londra inizieranno le olimpiadi. Mancano ormai pochissime ore. In televisione non si fa altro che parlare di lei, gli amici presto ci andranno, sbirciando su Facebook scopri che qualcuno che hai perso di vista o che conosci poco vive lì, e che tutti gli altri almeno una vacanza l’hanno fatta.

Anche io stavo per vivere la mia breve avventura londinese. Avrei potuto trascorrere una piacevole settimana ad Agosto. E invece le poche persone che conosco abbastanza bene da potermi offrire ospitalità hanno tutte deciso di tornare per l’estate. E così niente Londra, almeno per me.

Proprio ora che alla Tate stanno inaugurando il nuovo spazio per le arti performative. Il 28 Luglio, dopo il grande sole di The Weather Project installato nella Turbine Hall nel 2003, tornerà  Olafur Eliasson, questa volta con un piccolo sole: Little Sun. Per l’occasione a ogni partecipante verrà fornita una piccola lampada a forma di sole, che ovviamente funziona a energia solare. Con questa piccola lanterna il pubblico visiterà le stanze e i corridoi della nuova area per la live art.

Un’esperienza a dir poco unica… ma che la maggior parte di noi seguirà soltanto dalle recensioni…